INTERIORS

Image Slider

29 gennaio 2014

Rooms featuring BlogArredamento

Mercoledì è un giorno che mi è sempre piaciuto, e questo mercoledì in particolare mi piace ancora di più perchè comincia con una buona notizia: da oggi rooms farà parte del circuito di BlogArredamento! BlogArredamento è un network di blog dedicati al mondo dell'home decor e dell'interior design, costantemente aggiornato con i post di tutti coloro che ne fanno parte, in cui potrete trovare davvero moltissime ispirazioni, suggerimenti e  novità su tutto ciò che concerne la casa. Trovo che BlogArredamento sia una bellissima iniziativa poichè è di fatto un punto di riferimento e di incontro sia per gli appassionati che per i professionisti del settore.

Sono molto felice di questa collaborazione e spero, nel mio piccolo, di poter dare un valido contributo!



English text

I always loved Wednesdays, and I love this Wednesday even more because it begins with good news: from today rooms will join the BlogArredamento network! BlogArredamento is a network of blogs dedicated to the world of home decor and interior design, constantly updated with the posts of all those who are part of it, where you can really find a lot of inspirations, advices and news about everything related to the home . I find that BlogArredamento is a wonderful initiative as it is in fact a reference point and meeting place for fans and professionals of the sector.  
I am very happy for this collaboration and I hope, to be able to make a valuable contribution to it!
28 gennaio 2014

Focus on: lampada E27 e piastrelle diamantate

Nell'appartamento di Sydney è presente un oggetto che mi piace moltissimo, ed è la lampada E27 del designer Mattias Stahlbom, prodotta da Muuto, in silicone/gomma.
È l'idea platonica della lampada a sospensione.

 Via

 Via

E poi le piastrelle diamantate. Mi piacciono probabilmente per l'effetto vintage, ma anche perchè si puliscono in due nanosecondi e mantengono l'idea di ambiente sterile e disinfettato. Non a caso nascono come rivestimento della metropolitana nei primi del '900, e poi entrano nelle case andando a rivestire i muri di cucina e bagno, che sono gli ambienti in cui è necessaria una cura maggiore nella pulizia. I colori classici sono il bianco e il nero, ma oggi se ne possono trovare in diverse tinte. Tra l'altro sono pure economiche: il prezzo si aggira intorno ai 18-20 €/mq. Se dovete rifarvi il bagno, fateci un pensierino!


 Questo bagno è bellissimo! Via




24 gennaio 2014

Buen retiro estivo a Sydney

L'appartamento di cui parliamo oggi si trova a Sydney, ma è la fiera del design nordico. Si vede che al progettista, il product designer Frag Woodall prestato all'interior per l'occasione, andava così. E visti i risultati, come dargli torto.
Vediamolo nel dettaglio:



Dicevamo, molto nordico: il legno e il bianco che permeano lo spazio danno quell'inconfondibile mood scandinavo che è sinonimo di cura del dettaglio e semplicità. La parete dell'ingresso è rivestita con un perlinato posizionato in orizzontale per evitare l'allure montanara, e anche il pavimento mi sembra fatto con le stesse doghe, pero verniciate di bianco e lucidate. La cucina è essenziale ed è posizionata in una stanza lunga e stretta, quindi giustamente priva di tavolo. Non male il dettaglio del pensile in legno grezzo sulla sinistra, che è appeso tramite corde a una serie di ganci.


In salotto troviamo di nuovo lo stesso perlinato dell'ingresso, e qui in effetti l'effetto montaga è dietro l'angolo. ma si sposa molto bene col chiarore generale, quindi non risulta pesante. Gli arredi sono chiaramente vintage, il mobile basso con le ante scorrevoli è bellissimo. Io avrei dato una botta di vita con una tela colorata o una scultura appesa alla parete bianca, ma vabbè sono dettagli.


Ed ecco dov'era finito il tavolo! Voi pensate che sia vicino alla cucina, giusto perchè portare in giro pentole e piatti è scomodo, e invece:


è di fronte alla camera padronale. È una scelta progettuale incomprensibile, vai a sapere perchè l'ha messo lì.


Questa è l'altra camera, di un rigore monacale. 
E ora la stanza che mi è piaciuta di più: il bagno.



Via, foto di Terence Chin

In realtà è la stanza della vasca da bagno, perchè è molto piccola e presumo che la tazza sia altrove, ma ha degli elementi notevoli. Prima di tutto la porta: non c'è niente da dire, è bellissima. L'avrà scardinata da chissà dove e portata in casa sua, ed è stata una bella trovata incernierarla su di un supporto scorrevole. Poi la piastrellina lucida ha sempre il fascino discreto dei manicomi degli anni '20, le amo. Il soffione della doccia è vintage nella forma ma moderno nei materiali (se è metallo è una lega), e risponde alla tinta del legno di cui è rivestita la parete di fronte, very grezzo style. Mi piace molto. Il micro lavandino è incassato nel mobile contenitore che sarà stato fatto su misura a causa dello spessore ridotto tra vasca e muro.
Il tutto è semplicissimo ma di grande effetto.
Chiudo lasciandovi la palette dell'ultima immagine, che mi sembra riassuntiva di tutta la casa.
Cheers!

Via (non so da dove venga quel "bravado red" sinceramente)


English text

The apartment we are talking about today is located in Sydney, but it seems to be very nordic. Probably the product designer Frag Woodall, lending himself for the interior decor in this occasion, was in that mood. And he made the right choice.  
Let's see in detail: the wood and the white that permeate the space give that unmistakable Scandinavian touch that is synonymous with attention to detail and simplicity. The entrance wall is covered with a beaded positioned horizontally to avoid the "mountaine allure", and it seems to me that even the floors are made with the same staves, but painted white and polished. The kitchen is essential and it is located in a long, narrow room, so justly deprived of the table. Not bad the detail of the cabinet of raw wood on the left, which is hanging by ropes in a series of hooks.
 In the living room we find again the same paneling of the entrance, and here indeed the "mountain effect" is around the corner. It goes very well with the general light, so it is not heavy. The furnishings are clearly vintage, the low cabinet with sliding doors is beautiful. I would have given a touch with a colorful canvas or a sculpture hanging on the white wall, but oh well are details.
But what about the table? You think it's close to the kitchen, just because carry around pots and dishes is uncomfortable, and instead is in front of the master bedroom. It is a design choice incomprehensible, knowing why he put it there is a mystery. The other room has a monastic rigor.
And now the room that I liked the most: the bathroom. 
 It is very small and I assume that the wc is elsewhere, but it has some significant elements. First of all, the door. There's nothing to say, it is beautiful. He must have unhinged it from somewhere and taken to his house, and it was a beautiful find hinging it on a sliding support. Then the glossy tile always has the discreet charm of the asylums of the '20s, I love them. The shower head is vintage in the form but modern in materials (if it is a metal is a metal alloy), and responds to the color of the wood of  the coated wall in front of it, very rough style. I like it a lot. The micro sink is recessed into the cabinet that has been tailor-made due to the reduced thickness between the tub and the wall.  
Everything is simple but effective.
I close with the palette of  the last image, which I think is the summary of the whole house.
Cheers!






23 gennaio 2014

Skinny laMinx

Skinny laMinx è un brand sudafricano ideato dalla designer Heather Moore. Col suo team, tutto localizzato a Cape Town, produce tessuti, oggetti per la casa, oggetti decorativi, borse, grembiuli, vestiti per bambini e stampe, tutti caratterizzati dalle sue bellissime grafiche. 
Devo dire che il Sudafrica sta sfornando parecchi talenti ultimamente, sto tenendo d'occhio alcuni blog che periodicamente presentano nuovi brand e ci sono cose molto interessanti, di cui vi parlerò.
Le immagini le ho prese sia dal sito che dallo shop, che è su Etsy.
Che ne pensate?


English text

Skinny laMinx is a South African brand created by designer Heather Moore. With her team, all located in Cape Town, she produces fabrics, household items, decorative items, bags, aprons, children's clothes and prints, all characterized by her beautiful graphics.  
I have to say that South Africa is churning out many talents lately, I'm keeping an eye on some blogs that regularly feature new brands and there are very interesting things, which I will talk about soon .  
The images were taken both from the site and the shop, which is on Etsy.  
What do you think about?












22 gennaio 2014

Focus on reprise: DIY Storage con cassette della frutta.

Avanguardia pura.
Ma a me le cassette come quelle nell'appartamento di Amsterdam piacciono quindi sto DIY ve lo faccio lo stesso.
Che poi smettiamola di fare quelli internescionals e dare sigle hipster a qualsiasi cosa: fare i lavoretti manuali a casa si chiama BRICOLAGE. Ridiamogli dignità, che cavolo.
Veniamo a noi:  

Occorrente:
✗ cassette della frutta di quelle resistenti 
✗ pennelli come questi
✗ carta vetrata
✗ vernice impregnante
✗ vernice del colore che ci piace

Procedimento:
Scartavetrate le cassette come se non ci fosse un domani. Non devono rimanere difetti o schegge se no vi fate malissimo, e il legno deve essere liscio e senza residui di verniciature precedenti o altre sostanze se no poi viene uno schifo. 
Quando le cassette saranno lisce come il sederino di un bimbo potete stendere l'impregnante col pennello, che serve per proteggere il legno. Fate 2 mani a distanza di 24 ore l'una dall'altra; dopo un quarto d'ora circa dalla seconda mano passate tutta la superficie con un pennello asciutto per renderla omogenea (info presa da qui). 
Quando il tutto sarà asciutto, stendete la vernice del colore che vi pare. O anche no, a volte è bello vedere anche il legno in versione nature.
Ora potete comporle come più vi piace, su internet ci sono un sacco di combinazioni a cui potete ispirarvi.
Voilà!

  
Le immagini, in senso orario, le ho prese da qui, qui, qui e qui.







21 gennaio 2014

Focus on: Colour palette

Perchè i titoli in inglese suonano meglio?
Mhà. 
Comunque questa è la palette dell'appartamento di Amsterdam, fatta con Chip It.


Un palazzo ad Amsterdam

L'interno che andremo ad analizzare oggi si trova ad Amsterdam, e da ciò che ho capito traducendo dall'olandese (grazie google translate!) è composto da quelli che una volta erano 3 alloggi, che sono stati riuniti in un'unica abitazione in modo da permettere a chi ci vive di avere spazi condivisi e al contempo mantenere la propria privacy. Sull'architettura non posso dirvi molto, perchè le foto sono quasi tutte di scorcio e la pianta non è facilmente intuibile, ma sembra un classico lotto gotico tipico dei Paesi Bassi (cioè un'area lunga e stretta, in cui si può progettare solo una stanza per piano), anche se questo mi sembra più largo del solito. Ma comunque, vediamo nel dettaglio:


Oh, ciao grigio! Com'è che ti trovo sempre nelle case fighe? Perchè sei la tinta salva-chiappa ever dici? Ma allora avevo ragione! Ragazzi il grigio in tutte le sfumature non è mai una scelta sbagliata - al netto del contesto in cui si trova, ovviamente -, perchè è in grado di far risaltare gli arredi. Se proprio volete osare col colore io consiglio sempre di farlo con le tappezzerie (ma andateci cauti), coi tessuti, con gli accessori per la casa, ma i muri lasciateli stare. 
Pregevole inoltre la finestra a tutt'altezza e il parquet.


Qui vediamo alcuni elementi interessanti. Intanto ritroviamo la stessa pavimentazione dell'immagine precedente, la cui nuance si abbina perfettamente con quella della balaustra in tubolare metallico. Il legno è il materiale dominante, e accostato alle pareti bianche dà un effetto davvero arioso. Bella la scelta di due tipologie di seduta diverse (Plastic Side Chair di Vitra e poltroncine) accostate a un tavolo rustico, illuminato dall'altro da tre lampadari conici a luce diretta. La cucina è in muratura, ma resta leggera poichè rinuncia ai pensili nella parte superiore in favore di mensole aperte e di un mobile storage posizionato di fronte. Bella la scaletta, che oltre ad essere decorativa può servire ad appendere cose.


Particolare dell'apertura che dà sul giardino. La pavimentazione in questo caso è in resina lucida bianco-grigiastra (thò!), materiale che ha il pregio di allargare percettivamente gli spazi essendo privo di fughe. Realizzarlo però costicchia un po'. Inoltre la differenza di quota tra pavimento e soglia è colmata da un profondo scalino in muratura che funge anche da appoggio. Ancora una scaletta di legno grezzo appendi-cose che adesso voglio anche io.


 Lo studio è realizzato con pochi semplici pezzi, un tavolo di cui in questo momento mi sfugge il nome, l'inflazionatissima plastic side chair  e un mobile contenitore fatto con le cassette di legno della frutta. Geniale e scenografico. Per quanto riguarda il lampadario, io amo molto questi di forma sferica, e scelti di varie dimensioni e accostati sono sempre belli da vedere.
Adesso ci starebbe una battutta su "sfere", "palle" eccetera, ma non la farò.
Evaporo educazione ;)




Le camere da letto presentano un'impronta semplice e crafty che è la caratteristica dominante di tutta la casa. Il corridoio è una semplice tunnel bianco in cui  è possibile lasciarsi messaggi scrivendo nei riquadri ottenuti con la vernice lavagna.
Se dovessi pensare a un aggettivo per descrivere quest'abitazione direi "rilassante", le cromie sono praticamente perfette!

Le immagini le ho trovate sul sito della rivista Vtwonen, lo styling è stato curato dalla bravissima Cleo Scheulderman (che potete seguire su Pinterest) e le foto sono state fatte da Jeroen van der Spek.


English text

The interior which we're going to analyse today is located in Amsterdam, and from what I understand translating from Dutch (thanks to google translate!) is composed of those that were once three apartments, which have been brought together in a single dwelling where those who live there can share spaces and, at the same time, maintain their privacy. I can not tell you much about the architecture, because the pictures are almost in perspective and the plant is not easy to understand, but it seems a classic Gothic lot typical of the Netherlands (a long and narrow area, in which you can configure only one room on each floor), although this seems larger than usual. But anyway, let's see in detail.
 Oh, hello gray! How is it that I always finf you in coll houses? Is it because you're the save-ass tint ever? But then I was right! Guys, gray in all shades is never a wrong choice - net of the context in which it is located, of course - because it is able to bring out the furniture. If you really want to be daring with color I always recommend to do it with tapestries (but go cautious), with the tissues, with the accessories for the home, but the walls, let them alone. Remarkable the full height window and the wooden floor.
In the kitchen we find the same flooring as the previous image, whose shade matches perfectly with that of the tubular metal balustrade. The wood is the dominant material, and approached to the white walls gives a very airy effect. Beautiful the choice of two different types of seats (Vitra's Plastic Side Chair and armchairs) juxtaposed with a rustic table, lighted by three conical chandeliers with direct light. The kitchen is in brick, but remains light because it waives the hangings in favor of open shelves and a storage cabinet located in front. Beautiful staircase, which is decorative and can be used to hang things.
 Particular of the opening onto the garden. The flooring in this case is in glossy  grayish-white resin, material that has the merit of expanding perceptually spaces as it is leaks free. Realizing it, however, is expansive. Moreover, the difference in height between the floor and the threshold is filled by a deep step in masonry that also acts as a support. There is again a raw wooden ladder and now I strongly want it.
The home office is realized with simple pieces, a table, the overused chair x and a cabinet made ​of  wooden fruit boxes. Brilliant and spectacular. regarding the chandelier, I love the spherical shape, and chosen and combined in various sizes is always beautiful to see.  
The bedrooms are simple and crafty, as it is the dominant feature of the entire house. The corridor is a simple white tunnel  where you can leave messages by writing in the boxes obtained with blackboard paint.  
If I had to think of an adjective to describe this house, I would say  "relaxing": the colors are almost perfectI found the images on Vtwonen, styling has been edited by the talented Cleo Scheulderman (which you can follow on Pinterest) and the photos were taken by Jeroen van der Spek.